Partner culturali

Liberare l'arte

 

Le Méridien Vilnius | Centro di Arte contemporanea

Il Centro di Arte contemporanea, Vilnius (CAC) presenta una serie di esibizioni di arte contemporanea internazionale e lituana, organizza conferenze, lezioni, progetti internazionali, proiezioni cinematografiche ed eventi musicali. Il CAC pubblica cataloghi e opuscoli in occasioni di questi eventi. Inoltre possiede un INFO LAB, dove il pubblico ha accesso a libri, giornali, video, CD/DVD e Internet.

L'edificio è stato inaugurato nel 1968 come Palazzo per le esibizioni d'arte ed è stato gestito come una filiale del Museo lituano di Arte fino al 1988. Dal 1992 il CAC è un'istituzione indipendente/separata principalmente finanziata dal Ministero lituano della Cultura.
Il CAC è il più grande centro di arte contemporanea negli stati baltici ed una delle istituzioni artistiche più grandi nell'Europa post sovietica, con uno spazio per le esibizioni di 2400 mq. IL CAC si impegna a sviluppare un'ampia serie di esibizioni internazionali e lituane ed inoltre presenta un'ampia gamma di programmi pubblici che includono conferenze, seminari, performance, proiezioni cinematografiche e video e nuovi eventi musicali dal vivo.

Dall'ottobre 2004, il CAC ha prodotto il proprio programma per la televisione commerciale lituana (vai su CAC TV http://www.cac.lt/tv). Nello spirito sperimentale di CAC, ogni episodio è una puntata zero, ed ogni programma è l'episodio finale, immaginate:
ad un gruppo amorfo di disadattati sociali e reietti culturali è stata data la possibilità di un programma televisivo alle prime armi. Non avendo alcuna esperienza televisiva, hanno deciso di reinventare il mezzo. CAC/TV è una fascia oraria per immaginare realtà alternative.

Dal 2005, il CAC ha prodotto CAC INTERVIU “la conversazione trimestrale sull'arte”. ,La rivista che ha raggiunto il suo 6° numero nel dicembre 2006, è una pubblicazione bilingue (lituano e inglese) che si basa su interviste (contiene anche editoriali e recensioni di libri) con un'attenzione sulla regione baltica ed uno sguardo ad argomenti internazionali (come ad esempio le principali biennali) in grado di influenzare ovunque la produzione artistica. La presenza di un consiglio editoriale internazionale assiste con consulenze editoriali, informazioni importanti e distribuzione. Stampato in 3.000 copie per numero, 2.000 copie saranno distribuite in Lituania e 1.000 copie nel mondo.

Fondato nel 2005 anche il CAC/CAFÉ TALKS conosciuto come il principale evento editoriale internazionale di Vilnius. Presentato il primo mercoledì di ogni mese, il CAC Café Talk’s consiste in un social forum per discutere i principali argomenti internazionali nell'ambito della cultura, economia, e politica con forte impatto sulla produzione, esibizione e recezione dell'arte contemporanea. CAC Cafe Talks ha rafforzato i legami tra il CAC e la comunità accademica lituana, inclusa l'Accademia d'Arte di Vilnius (che ovviamente offre un corso che rilascia crediti ai partecipanti), grazie al coinvolgimento di una serie di produttori culturali, inclusi stimati professori che hanno discusso di una gamma di argomenti culturali. Gli oratori hanno incluso Philippe Vergne (direttore associato Walker Art Center, Minneapolis, USA), Chrissie Iles (direttore associato Whitney Museum of American Art, New York, USA), professore. Germaine Greer (femminista, UK/AUS), Jan Utzon (rinomato architetto della Sydney Opera House, DEN), professore. Csaba Toth (Storico, University of Pittsburg), Joerg Heiser (Direttore, FRIEZE magazine), Ken Lum (artista, professore accademico, CAN).
Il Centro di Arte contemporanea organizza circa cinque o sei esibizioni su larga scala all'anno (incluse retrospettive, sondaggi e mostre di gruppi internazionali) in abbinamento con 15 progetti più piccoli. IL CAC è riconosciuto a livello internazionale per essere la sede della Triennale baltica dell'Arte Internazionale, una delle maggiori mostre contemporanee del nord Europa; nel 2005 BMW ((Black Market Worlds), la IX Triennale Baltica ha ricevuto buone recensioni dalla stampa specialistica internazionale. Da aprile a giugno 2005 il CAC è stato uno dei quattro partner istituzionali che hanno presentato POPULISMO, una delle più grandi installazioni in Europa. Curata da Lars Bang Larsen, Cristina Ricupero, e Nicolaus Schafhausen, l'esibizione di 85 artisti si inaugura simultaneamente al CAC, al Frankfurter Kunstverein, al Museo di Arte e Architettura contemporanea di Oslo e allo Stedlijk di Amsterdam.
Inoltre ogni due anni il CAC produce una recensione sugli sviluppi dell'arte lituana e nel 2006 ha presentato 101.3 KM: competizione e collaborazione (un progetto di scambio di Vilnius e Kaunas)

Negli ultimi cinque anni il CAC ha presentato retrospettive e mostre personali di opere dei più importanti artisti del XX e XXI secolo, come ad esempio: Georg Baselitz, Tony Cragg, Max Ernst, Nam June Paik, George Maciunas, Man Ray, Bridget Riley, e Andy Warhol. Il CAC ha inoltre commissionato progetti speciali di giovani artisti internazionali, come ad esempio: Emmanuelle Antille, Knut Åsdam, Pierre Bismuth, A K Dolven, Elke Krystufek, Katrzyna Kozyra, Jonathan Monk, e Joao Penalva.

I principali progetti di arte internazionale selezionati includono: Alta marea: nuove correnti di arte dall'Australia e Nuova Zelanda, 2006; On Mobility, 2006; My World: la nuova soggettività nel design, 2006; Fretta lenta: la sensibilità del documentario sulle immagini in movimento da tutta l'Asia e il Pacifico, 2004; Ufficio olandese: Progetti di arte contemporanea dei Paesi Bassi, 2004; 24/7: Vilnius/New York 2003; Nothing: Esplorare l'Invisibile nell'arte contemporanea, 2001; Occhio del desiderio (Retrospettiva fotografica del Museo Moderno dalla collezione di Stoccolma, 2000); Mi senti? (2° Triennale baltica di arte fotografica, 2000); (7°Triennale baltica di arte contemporanea, 1999); 80/90 Specchi del nostro tempo (selezioni dalla collezione internazionale del Museo di Arte contemporanea, Oslo), 1999; Twilight (Mostra d'arte internazionale dei nuovi media), 1998; Dimensione 0 (festival internazionale delle arti), 1997; Divertente vs Bizzarro (arte contemporanea dai paesi nordici e baltici), 1997; Aurora 6 (Triennale dei giovani artisti dei paesi nordici), 1995.

Nel 2007 CAC ha iniziato a svolgere un nuovo ruolo come istituzione accademica — un master internazionale per studi curatoriali —in collaborazione con l'Accademia d'Arte di Vilnius. Il master offerto è sviluppato da una collaborazione tra cinque accademie ed università europee a Devon, Inghilterra, Girona, Spagna, Lubiana, Slovenia, Rotterdam, Paesi Bassi.

Oltre alle esibizioni nel museo, nel 2007 il CAC è stata l'istituzione committente del padiglione lituano alla 52° Biennale di Venezia. Ecco a voi l'opera di Gediminas & Nomeda Urbonas e un progetto dal titolo Villa Lituania, su: www.villalituania.lt Questo è il secondo anno che CAC organizza il padiglione nazionale lituano, presentando nel 2001 l'opera di Deimantas Narkevicius a Venezia.

Dato che al momento il CAC è la sola istituzione pubblica di larga scala per esibizioni situata nel centro di Vilnius che offra capacità tecniche multimediali, ospita anche una serie di eventi culturali organizzati esternamente. Soprattutto, il CAC genera un reddito derivante da affitto commerciale, una promozione per una collaborazione positiva ed un profilo pubblicitario nonché sviluppa ampie relazioni con il pubblico e con la comunità. Gli eventi culturali includono: Fashion Infection (Le giornate della moda di Vilnius), Festival della musica di Gaida, Festival della musica di Vilnius, Festival della musica "Giovane" (musica elettronica), Festival teatrale di Serenos, Festival dell'animazione di Vilnius, Biennale dell'Arte internazionale lituana e le giornate del vino di Vilnius.

 

 

 

Collegamenti correlati: